sabato 28 settembre 2013

...ed è sempre più lungo, questo tempo, in cui ogni cosa, tocca da vicino il Cuore...ed è sempre più lungo, questo tempo in cui tutto, persino il dolore, diventa lieve...e si trasforma in Amore.

giovedì 26 settembre 2013

ULTIME NOTIZIE DAL FRONTE.

IL PIU' DELLE VOLTE IL MAGGIORE OSTACOLO NELLA BATTAGLIA PER LA NOSTRA FELICITA' SIAMO NOI STESSI...NEMICI IMPREVEDIBILI, SAREMMO IN GRADO DI ALLEARCI CON I NOSTRI DEMONI INTERIORI E ISTIGARLI A TORTURARCI FINO ALLO SFINIMENTO.
PRESO ATTO DI QUESTO, NON CI RESTA CHE ALZARE BANDIERA BIANCA, FIRMARE UN PATTO DI RESA PACIFICA CON LA FIDUCIA, SFIDARCI, SUPERARCI E INFINE...VINCERE.

IL GIOCO DEGLI AMANTI.

Mi Apparecchio per bene.
Mi apparecchio per te.
Il mio ventre è Panna
Il mio corpo è di farina
acqua e sale.
Voglio essere assaggiata
voglio essere impastata.
Ti offro le orecchie come stuzzichini
la bocca di champagne
gli occhi come praline di cioccolato
dentro il marzapane delle mie palpebre.
Voglio sentire il ruvido della tua lingua 
sulle mie guance di fragola
il morso senza freno dei tuoi denti
sul mio collo di pasta di mandorle
la tua saliva come salsa speziata
sulla carne cruda della mia schiena nuda.
Voglio le tue mani 
a sfilarmi
come fossi zucchero a velo
e i tuoi polpastrelli
a sbriciolare
i miei fianchi di pastafrolla.
Mi apparecchio per bene
mi apparecchio per te.
Tu ti accomodi
e cominci a spizzicare
tra il dolce e salato
della mia pietanza più segreta.
E questo antipasto
non placherà la tua fame.


mercoledì 25 settembre 2013



OGNUNO DI NOI MERITA DI SVEGLIARSI LA MATTINA CON ACCANTO UN GIRASOLE.

SHAMPOO E BALSAMO. ( ad una bella signora che vorrebbe piangere e urlare, ma non lo fa. )

...non si può che provare una profonda compassione per chi se la 
racconta da tutta una vita...del resto, ci vuole un atto di pieno 
coraggio e di estrema fiducia nell'ammettere che si è sempre 
tenuto un velo davanti agli occhi...e non tutti hanno la forza per 
farlo scivolare via...
Anche a questo serve l'incontro con gli altri...per essere presi per 
mano e sentirsi, d'improvviso, immensamente compresi nelle 
proprie terribili - ma guaribili- verità...



venerdì 20 settembre 2013

NINNANANNA PER L'ANIMA. (...L'anima non smette mai di sentire...se, talvolta, questo la stanca, non è necessario soffocarla o rinchiuderla, basta farla riposare , cantandole una ninnananna, prima che ricominci a fare il suo mestiere...)

Vieni e lasciala dormire
l'Anima
no
non può capire.
L'Anima 
no
non può ragionare.
Le è toccato in buona e cattiva sorte
il difficile compito di Sentire. Ha lottato contro il guscio del corpo, ha affrontato la guerra con la mente.
Vieni e lasciala dormire
l'Anima tua adesso deve riposare.
Alcune cose del mondo la tormentano
alcune persone si assentano.
Alcune cose del mondo si lamentano
alcune persone si sentono.
L'Anima 
no
non può capire
che la tua mente la vuole a tacere.
L'Anima 
no
non può ragionare
che il tuo corpo la vuole imbavagliare.
Le è toccato
il giorno che hai incontrato il mondo
il difficile compito di fluire. Ha accettato quel che con la voce non si può dire, ha affidato i suoi segreti ai gesti.
Alcune cose del mondo non si lasciano vedere
ma da lei sola si lasciano toccare.
Alcune cose del mondo non si possono raccontare
ma da lei sola si lasciano scoprire.
Vieni, allora e lasciala dormire.
Le è toccato in sorte il compito di dover essere la più forte.
Donale in riposo
una Ninnananna di vento
che per un momento soltanto voli dove vuole volare
che adesso soltanto vada dove vuole andare.
Si appoggerà su una Musica di pianoforte
si aiuterà con ogni nota
si siederà poi in mezzo al silenzio.
Ti laverà gli occhi che le hai prestato
ti curerà le mani che ha indossato
e coprirà le orecchie che le hai donato.
Affidale in riposo
tutto il tuo istinto
che per un momento soltanto sappia che ti vuoi fidare
che adesso e sempre ricordi che la sai ascoltare.
Si sveglierà quieta e attenta
l'aiuterai ad essere  grata e lieta
per il compito che ha ricevuto nella sua infinita essenza.
Avrai ancora cura di prestarle gli occhi
avrai ancora mani pulite con cui tradurla
e le donerai orecchie nuove.
C'è tutto un altro suono tra i rumori del mondo.
L'Anima,
sì,
Lei sa che mestiere fare
e su quale frequenza ricominciare a viaggiare.





mercoledì 18 settembre 2013

LETTERA PSICO-MAGICA. (...a Sofia. )

Tengo una piuma tra le mani,
mia amata.
Tengo una piuma
ed è bianca come la pace che desidero per te.
Ho l'intenzione, delicatissima,
di ridipingerti gli occhi
con la leggerezza.
Lasciamelo fare
come fossi capace di fare di un angolo stretto
un' improvvisa curva dolcissima.
Come fossi in grado di appoggiare foglie al posto di aghi
sotto i tuoi passi lenti.
Ho la voglia, tenerissima,
di segnarti sulle labbra
la parola Fiducia.
Lasciamelo fare
come potessero le sole mie braccia
dissolvere in un istante
quel vuoto di sempre.
Come dovessimo dividere per due
ciò che resta uno.
Nessuno,
mia amata,
nessuno dovrebbe stare da solo.


"Non è negandola che si sconfigge la Paura...forse ci si può sedere, osservarla e, ascoltando cosa ci dice,  lasciarci rivelare il segreto per farla svanire...La vita ha modi piuttosto buffi per renderci più forti di noi stessi."


lunedì 16 settembre 2013

Si srotolano Sorprese davanti agli occhi.
Restituiscono alla mente la memoria di ciò che nel profondo stavamo desiderando con le Parole mute, con i Gesti invisibili.
Salgono risate dalla bocca Silenziosa del Cuore.
Si Piangono Sorrisi agli angoli delle labbra.

UN SEGRETO PER ADDOMESTICARE IL TEMPO.

Quaggiù, nel centro del mondo, Corre il Tempo, ha le scarpe da ginnastica e corre.
Ticchettano gli orologi, palcoscenici per lancette ballerine.
Scorrono i minuti, piccole gocce nel mare di ore, granelli di sabbia su spiagge come clessidre.

Ogni giorno lo spettacolo è straordinario, la Vita ci prepara mille e più scenografie da scegliere.

Mi è arrivato un invito speciale.
"...non c'è pubblico, ma tutti possono partecipare..."

Mi è arrivato un invito speciale.
Non avrò un vestito, non avrò maschere.
"...il tempo corre, ha le scarpe da ginnastica e corre. Dicono però che talvolta si mette a passeggiare lento, oppure vola a piedi nudi. Ha una sua regola, Non si ferma mai...Scegli il tuo ritmo e non sarà un ostacolo..."

Mi è arrivato un invito speciale.
"...non c'è pubblico, ma tutti possono partecipare..."
L' unica cosa che dovrò indossare sarà la capacità di Scegliere Il Meglio per Me.

Scelgo il mio Ritmo e partecipo.
Scelgo il mio Ritmo e incontro L'Armonia. 
Talvolta corro, ho le scarpe da ginnastica e corro.
Talvolta però, mi metto a passeggiare lenta.
Ma scelgo. Tra mille e più scenografie che mi offre la Vita.

Quaggiù, nel centro del mondo, non si ferma mai Il Tempo. Ma se scelgo, sento che, curioso, é lui che va al mio passo e talvolta vola con me, a piedi nudi.


















domenica 15 settembre 2013

BUDDITA'.

Esterno Giorno.
Cammino.
Dentro di me.
Pioggia leggera sulla mia pancia, la scioglie. Sono goccia d'acqua dal corpo di donna, l'inizio di un arcobaleno nella quiete d'autunno.
Mi muovo. Lenta.

Scivolo.
E mi arrendo.
Scivolo.

Interno giorno.
Mi fermo.
Sono tornata a casa.
Ogni stanza ha un suo ordine. Ogni angolo è illuminato da una luce. Nuova.
Pioggia leggera sulle mie labbra, le disseta. Sono il silenzio che canta, la voce mia è negli occhi e si può vedere.
Ascolto. Piacevoli rumori di vita.

Resto.
E mi arrendo.
Non scappo più.

La Felicità più Vera tocca il mio cuore e lo lascia in Pace.
Spalanco le braccia.
Ti accolgo, 
Amore mio prezioso.
Resta,
Amore mio prezioso.
Spalanco le finestre.
E' tutto pulito.

sabato 7 settembre 2013

NON C'è FRETTA DI RACCONTARE CHE COSA SI è IMPARATO.
NEL FARE è GIà RACCHIUSO IL DIRE, IL PIù DELLE VOLTE.

ELEMENTI. ( Ai viaggiatori. Ai camminanti.)

Piedi, come piccole matite.
Intingo le dita nella china della TERRA. 
Descrivo strade, disegno sentieri.
Scricchiolano i rami degli alberi.
Spettino i pensieri e lì li appendo
che si riposino come le foglie.
Narici, come passaggi segreti.
Vi entra ARIA come vita.
Inspiro il mondo, ispiro il cuore.
Tratteggia la pioggia un cielo sereno.
Espiro il passato e lo soffio al vento
che oggi respiro libera.
Occhi, come soli luminosi
perenne in essi si è acceso IL FUOCO.
Si trasformano le immagini in energia.
Io tengo sveglia la passione
che mi scaldi se ho brividi nostalgici.
Orecchie, come piccole conchiglie
Bevono l'ACQUA dall'oceano.
Registro il concerto delle onde.
Nuotano in silenzio le parole che ancora non dico,
io ho labbra come spiagge e le aspetto.